Che aspetto ha il coronavirus? Boston MIT l’ha scoperto: perché è utile per la ricerca

Che aspetto ha il coronavirus? Boston MIT l'ha scoperto: perché è utile per la ricerca

Se il coronavirus fosse un brano musicale, nessuno lo assocerebbe sicuramente a una melodia dolce e rilassante del passato. Al contrario, dati gli effetti che produce in tutto il mondo, sarebbe probabilmente classificato come un motivo triste e cacofonico. Ma no, e per dire scienza. O meglio, un team guidato da Markus Buehler, capo del prestigioso dipartimento di ingegneria civile e ambientale Boston Mit. Come riportato dalla rivista venerdì scienzaIn effetti, i ricercatori americani hanno concluso uno studio a dir poco singolare: dopo aver isolato la struttura del famigerato picco di proteine, quello con cui la Sars-Cov-2 riesce ad attaccarsi alle cellule umane, le catene di aminoacidi sono state tradotte in musica. Questi sono in totale venti e ognuno ha ricevuto un voto diverso. Risultato: una composizione di quasi due ore, quasi spiacevole. Al contrario, la sovrapposizione continua degli strumenti finisce per generare un’armonia a volte molto piacevole. Ascolta per credere.

Strumenti a corda, flauti, campane e jingle: ogni suono corrisponde a un punto specifico della sequenza. Ne consegue quindi la loro combinazione in un modo così complesso complessità della struttura molecolare, groviglio di pieghe, eliche e intreccio tra le diverse catene. Una volta selezionata la nota da associare a ciascun amminoacido, gli altri hanno pensato alla tecnologia, attivando una procedura di intelligenza artificiale che prende il nome di sonicazione.

Lo scopo dello studio

Perché gli scienziati si sono avventurati in questo studio? Lungi dal rappresentare un semplice divertimento, l’esperimento mira a evidenziare sezioni della proteina avanzata a cui possibili medicinali o vaccini potrebbero legarsi in futuro. Secondo i ricercatori, questo tipo di rappresentazione sarebbe molto più intuitivo per l’analisi della molecola. In questo senso, identificarne alcuni consonanze musicali potrebbe essere estremamente utile tracciare le giunture corrette.

READ  Procesorul Apple iMac G3 alimentează rover-ul Perseverance al NASA
Ci tradisce come il virus

Queste strutture sono troppo piccole per essere viste – ha spiegato Mit news lo stesso Professor Buehler -, ma possono essere ascoltati. Il nostro modello potrebbe quindi essere utilizzato per progettare farmaci o interferire con i percorsi biochimici della malattia. Non è un caso che la melodia sia stata piacevole, persino rilassante. La ragione ha detto rapidamente: la musica inganna il nostro udito come il virus inganna le nostre cellule – concluse lo scienziato -. un invasore travestito da visitatore amichevole. E crediamo che una solida analisi possa aiutarci a comprendere meglio il mondo materiale. Dopotutto, l’espressione artistica è un modello del mondo in noi e intorno a noi.

8 aprile 2020 (modificato l’8 aprile 2020 | 12:03)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

source–>https://www.corriere.it/tecnologia/20_aprile_08/che-suono-ha-coronavirus-ha-scoperto-mit-boston-perche-utile-la-ricerca-a085436e-78ff-11ea-ab65-4f14b5300fbb.shtml

Lasă un răspuns

Adresa ta de email nu va fi publicată. Câmpurile obligatorii sunt marcate cu *