VILLADORIA E IL RE DEI VINI

https://www.villadoria.it/portfolio_page/villadoria-and-the-king-of-wines-the-italian-tribune/

In provincia di Cuneo si trova la cittadina di Serralunga d’Alba. Sebbene abbia solo 500 abitanti, è una delle città più famose i cui vigneti producono Barolo. Il terreno e il clima particolari, il terroir, rendono i vini unici e molto distintivi in ​​tutto il mondo. È su queste dolci colline che si trova la cantina Villadoria. Il legame della famiglia Lanzavecchia con il mondo del vino risale al sogno di Daniele Lanzavecchia Sr. Nato nel 1887 a Predosa, in Italia, a circa 30 miglia a ovest di Serralunga d’Alba, Daniele era un giovane determinato e intelligente, ma i tempi erano difficili e la terra offre molto poco. Fu proprio in questi tempi difficili che sviluppò l’idea di aprire un vivaio. Doveva diventare una passione per il resto della sua vita, ma ci vollero molti anni prima che il suo sogno di produrre vino diventasse realtà. Nel 1920 nacque suo figlio Pietro, cresciuto per condividere la passione di suo padre per i vigneti e il vino. Intraprendente e intelligente, ha capito che la regione più adatta alla viticoltura erano le Langhe. Dopo aver conseguito il diploma in agricoltura nel 1959, Pietro creò la tenuta vinicola Villadoria sulle colline di Serralunga, acquistando vigneti e costruendo la sua cantina per la vinificazione e l’invecchiamento in collaborazione, ora con suo figlio Daniele. Oggi Daniele è proprietario dell’azienda e lavora con sua figlia Paola. Per la famiglia Lanzavecchia, Barolo ha sempre rappresentato l’unione tra forma e sostanza nei suoi vini. Il Nebbiolo raggiunge il suo massimo potenziale in queste colline, grazie alla composizione unica del terreno. È in questa maestosa cornice che il gruppo del Publisher’s Tour è venuto a visitare la vigna, la cantina, una degustazione di vini e un pranzo di cinque portate. La famiglia Lanzavecchia ha accolto gli ospiti dal Tribune alla pensione Tenuta Cappallotto, originariamente una casa di caccia appartenuta alla casa Savoia. È il luogo ideale per degustare i vini di Villadoria, circondati dalla calma dei vigneti delle colline di Serralunga d’Alba. Il gruppo è stato sorpreso dalla magnifica vista dalla collina. Daniele ha mostrato il vertice e ha detto al suo pubblico che è stato al vertice che sono state raccolte le ultime uve, quelle più vicine al sole hanno sempre prodotto il miglior Barolo. Tutto il raccolto viene fatto a mano. Scendendo dalla collina, i visitatori hanno poi guardato attraverso la vasta cantina di Villadoria, con file di vini che invecchiano in botti di rovere. La degustazione di vini è stata più che deliziosa; è stato straordinariamente istruttivo. Uno è stato travolto dalla passione di Daniele e sua figlia Paola e affascinato dallo sforzo e dalle conoscenze necessarie per produrre i loro vini eccezionali. Mentre si svolgevano le degustazioni, ogni annata era associata a cibo adeguato, da gustosi antipasti e formaggi a pasta, piatto principale e dessert. Il pranzo era un’orchestrazione magistrale di gusti e abbinamenti di vini che ha lasciato il segno sui volti di ogni viaggiatore ben nutrito. Un grande grazie a padre, figlia e staff. È stata un’esperienza straordinaria e una degustazione di pasti e vino che offriranno preziosi ricordi a ciascuno degli ospiti del tour dell’editore.




Lasă un răspuns

Adresa ta de email nu va fi publicată. Câmpurile obligatorii sunt marcate cu *